Vantaggi offerti dagli impianti a pannelli radianti

a bassa temperatura

Principali vantaggio offerti dagli impianti a pannelli radianti

I principali vantaggi che gli impianti a pannelli possono offrire riguardano:

  • il benessere termico
  • la qualità dell’aria
  • le condizioni igieniche
  • l’impatto ambientale
  • il calore utilizzabile a bassa temperatura
  • il risparmio energetico

Benessere termico

Come evidenziato dalla curva ideale riportata nella pagina a lato, per poter assicurare in un locale condizioni di benessere termico si devono mantenere zone leggermente più calde a pavimento e più fredde a soffitto. Gli impianti che meglio si prestano a offrire tali condizioni sono quelli a pavimento radiante per i seguenti motivi:

  1. la specifica posizione (cioè a pavimento) dei pannelli
  2. il fatto che essi cedono calore soprattutto per irraggiamento, evitando così il formarsi di correnti convettive d’aria calda a soffitto e fredda a pavimento.

Qualità dell’aria

Il riscaldamento a pannelli è in grado di evitare due inconvenienti tipici degli impianti a corpi scaldanti:

  1. la combustione del pulviscolo atmosferico , che può causare senso di arsura e irritazione alla gola;
  2. l’elevata circolazione di polvere, che (specie nei locali poco puliti) può esser causa di allergie e difficoltà respiratorie.

Condizioni igieniche

Gli impianti a pannelli esercitano un’azione positiva nel mantenimento di buone condizioni igieniche ambientali, in quanto evitano:

  1. il formarsi di zone umide a pavimento, sottraendo pertanto il loro ambiente ideale ad acari e batteri;
  2. l’insorgere di muffe (e della relativa fauna batterica) sulle pareti che confinano coi pavimenti caldi.

Impatto ambientale

Nelle costruzioni nuove e negli interventi di recupero con rifacimento dei pavimenti, gli impianti a pannelli sono gli impianti a minor impatto ambientale poichè non:

  1. pongono vincoli di natura estetica. La non visibilità dei pannelli risulta molto importante soprattutto quando si devono climatizzare edifici di rilievo storico o architettonico, dove la presenza di corpi scaldanti può compromettere l’equilibrio delle forme originali;
  2. limitano la libertà d’arredo, consentendo così il più razionale utilizzo dello spazio disponibile;
  3. contribuiscono al degrado di intonaci, pavimenti in legno e serramenti, in quanto:
    • non sporcano le pareti di nerofumo,
    • non consentono il formarsi di umidità a pavimento,
    • limitano sensibilmente i casi di condensa interna in quanto aumentano la temperatura delle pareti vicine alle solette con pannelli.

Calore utilizzabile a bassa temperatura

Per merito della loro elevata superficie disperdente, gli impianti a pannelli possono riscaldare con basse temperature del fluido termovettore. Questa caratteristica rende conveniente il loro uso con sorgenti di calore la cui resa (termodinamica o economica) aumenta al diminuire della temperatura richiesta, come nel caso di:

  • pompe di calore
  • caldaie a condensazione
  • pannelli solari
  • sistemi di recupero del calore
  • sistemi di teleriscaldamento, con costo del calore legato (direttamente o indirettamente) alla temperatura di ritorno del fluido primario

Risparmio energetico

Rispetto ai sistemi di riscaldamento tradizionali, gli impianti a pannelli consentono apprezzabili risparmi energetici essenzialmente per due motivi:

  1. la maggior temperatura operante che consente (a pari temperatura ambiente) risparmi medi variabili dal 5 al 10%;
  2. il minor gradiente termico tra pavimento e soffitto che comporta risparmi energetici tanto più elevati quanto maggiore è l’altezza dei locali.

Motivi (seppur meno importanti) di risparmio energetico possono considerarsi anche:

  • l’uso di basse temperature che riduce le dispersioni lungo le tubazioni,
  • il non surriscaldamento delle pareti poste dietro i radiatori,
  • la mancanza di moti convettivi d’aria calda sulle superfici vetrate.

Mediamente gli impianti a pannelli (sempre in relazione agli impianti di tipo tradizionale) consentono un risparmio energetico variabile dal 10 al 15%.

Limiti e svantaggi degli impianti a pannelli radianti

Riguardano essenzialmente aspetti connessi

  1. alla temperatura superficiale del pavimento,
  2. all’inerzia termica dell’impianto e
  3. a difficoltà d’ordine progettuale.

LIMITI CONNESSI ALLA TEMPERATURA SUPERFICIALE DEL PAVIMENTO

Per evitare condizioni di malessere fisiologico la temperatura superficiale del pavimento deve essere inferiore ai valori di riferimento, che consentono di determinare la potenza termica massima (Qmax) cedibile da un pannello. Se Qmax è inferiore alla potenza richiesta (Q), si possono considerare due casi:

  1. Qmax è inferiore a Q solo in pochi locali in questo caso si può ricorrere a corpi scaldanti di integrazione. Ad esempio si può cedere Qmax coi pannelli e la potenza restante con radiatori.
  2. Qmax è inferiore a Q in tutti o nella maggior parte dei locali conviene adottare impianti di tipo tradizionale.

INERZIA TERMICA E TIPO DI UTILIZZO DELL’IMPIANTO

Gli impianti a pannelli sono caratterizzati dall’avere un’elevata inerzia termica in quanto, per cedere calore, utilizzano le strutture in cui sono annegati i pannelli stessi. In ambienti riscaldati con una certa continuità (e con buon isolamento sotto i pannelli) l’inerzia termica di questi impianti non pone alcun problema e consente:

  • un buon adeguamento dell’impianto alle condizioni climatiche esterne;
  • interruzioni o rallentamenti di funzionamento, con tempi di attivazione e disattivazione dell’impianto che vanno normalmente anticipati di due ore.

Per contro in ambienti riscaldati solo per brevi periodi (ad esempio case di fine settimana) l’inerzia termica degli impianti a pannelli comporta sensibili sfasamenti tra i tempi di avviamento e quelli di effettivo utilizzo. Pertanto in questi casi conviene ricorrere ad altri sistemi di riscaldamento.

SVANTAGGI LEGATI AD ASPETTI PROGETTUALI

A differenza di quelli tradizionali a corpi scaldanti, gli impianti a pannelli richiedono:

  • maggior impegno per la determinazione dei parametri di progetto . Infatti oltre ai parametri necessari per determinare le dispersioni termiche dei locali, la progettazione degli impianti a pannelli richiede anche la conoscenza dettagliata di tutti gli elementi costruttivi che riguardano i pavimenti e le solette.
  • calcoli più complessi e laboriosi, anche se in merito il maggior impegno può essere sensibilmente ridotto con l’uso del calcolo automatico.
  • minor adattamento a varianti in corso d’opera o ad impianto ultimato, in quanto non è possibile togliere o aggiungere porzioni di pannello come invece è possibile con i radiatori.

Raffrescamento dei locali

Gli impianti a pannelli consentono anche il raffrescamento dei locali. Si deve tuttavia considerare che essi presentano in merito due limiti ben precisi:

  1. la limitata resa frigorifera
  2. l’incapacità di deumidificare

La bassa resa frigorifera dipende dal fatto che negli impianti a pannelli non è possibile abbassare troppo la temperatura del pavimento senza provocare fenomeni di condensa superficiale. Per questo motivo risulta difficile ottenere potenze frigorifere superiori a 40-50 W/m2.

L’incapacità di deumidificare dipende invece dalla natura stessa degli impianti a pannelli i cui terminali (cioè i pavimenti) non possono far condensare ed evacuare parte dell’acqua contenuta nell’aria.

Condizioni igrometriche di benessere si possono pertanto ottenere solo con l’aiuto di deumidificatori: vale a dire con integrazioni dell’impianto a pannelli che comportano costi ed ingombri non sempre accettabili.

Costi di realizzazione e gestione

È praticamente impossibile stabilire dati medi significativi in merito ai costi richiesti per realizzare gli impianti a pannelli. Troppe infatti sono le variabili da prendere in esame, quali ad esempio:

  • il tipo di impianto (autonomo o centralizzato),
  • il sistema di regolazione,
  • la resistenza termica dei pavimenti,
  • il costo dei materiali isolanti da porre sotto i pannelli,
  • il costo e la qualità del tubo costituente i pannelli.

Si può comunque ritenere che gli impianti a pannelli costino mediamente dal 10 al 30% in più degli impianti a radiatori con regolazione climatica.

Per quanto riguarda invece i costi di gestione, gli impianti a pannelli consentono risparmi mediamente variabile dal 10 al 15% rispetto agli impianti tradizionali. E consentono pertanto di ammortizzare in tempi relativamente brevi il maggior costo sostenuto per la loro realizzazione.

Applicazioni

Da soli, o integrati con impianti per il trattamento dell’aria, gli impianti a pannelli possono essere utilizzati per riscaldare: case singole e a schiera, alloggi in edifici a più piani, asili, scuole, palestre, piscine, musei, biblioteche, ospedali, alberghi, magazzini e capannoni.

Possono essere utilizzati anche per tener sgombri da neve e ghiaccio: parcheggi, rampe di garage, scalinate, piste di aeroporti e campi sportivi.

Bonus e detrazione

Gli specifici interventi possono rientrare sia nel Bonus Ristrutturazione al 50% che nell’Ecobonus al 65% previo verifica e asseverazione delle prestazioni minime prescritte. La tecnologia risulterebbe adatta ed utile anche in Superbonus al 110%.