Sostituzione della vecchia caldaia, con una nuova caldaia a condensazione

Quesiti, convenienza e marche

Conviene sostituire la caldaia?

La tecnologia delle caldaie a condensazione permette, a differenza della caldaie modulanti classiche, di recuperare parte del calore direttamente dalla condensa dei fumi di scarico, raggiungendo un’efficienza superiore, riducendo i costi di riscaldamento e le emissioni nell’ambiente.

La sostituzione della vecchia caldaia con una nuoca caldaia a condensazione è consigliabile, qualora si sia dotati di una caldaia, che per obsolescenza o difettosità, non fa più fronte al fabbisogno, oppure incide più del dovuto in bolletta.  Molte vecchie caldaie di marche note, con regolare manutenzione, funzionano anche per 10 – 15 anni senza creare problematiche; confrontando  però la scheda tecnica con la più economica delle caldaie a condensazione disponibile in commercio, la differenza di rendimento è apprezzabile.

Installando una nuova caldaia a condensazione, non solo si recuperano parte dei costi, considerando il risparmio sui consumi, ma si può usufruire della Detrazione fiscale in Ecobonus al 65% tramite la pratica ENEA.

Il 65% di detrazione da spalmare su 10 anni, riguarda non solo il valore della nuova caldaia, anche l’instillazione, il collaudo, la stessa pratica Enea e lo smontaggio e smaltimento della vecchia caldaia

Percentuali di detrazione in Ecobonus Enea

Le percentuali di detrazione possono variare in relazione alla dotazione della caldaia e dell’impianto.

  • 65% per l’installazione di una nuova caldaia a condensazione di classe A, con montaggio delle valvole a termoregolazione.
  • 50% per l’installazione di una nuova caldaia a condensazione di classe A, ma senza il montaggio delle valvole.
  • 0% per l’installazione di caldaie di classe B o inferiori.

Principali marche per caldaie a condensazione

Si allegano i riferimenti delle marche più note nel campo delle caldaie a condensazione e dei sistemi di riscaldamento in generale.

L’elenco non è esaustivo di tutte le marche in commercio, ma solo quelle di riferimento; esistono infatti una moltitudine di marche che potrebbero rappresentare delle alternative di nicchia o dei prodotti con buon rapporto qualità prezzo.

Le marche, seppur presentino delle differenze di qualità e tecnologiche, non costituiscono un particolare criterio di acquisto, andrà infatti valutato lo specifico prodotto in relazione alle caratteristiche, alle necessità ed opportunità di acquisto.