PROGETTAZIONE

per il risparmio e la riqualificazione energetica

ROMA Entro GRA | Fuori GRA | Provincia di Roma | Lazio

Progettazione, calcolo e verifica degli interventi

Gli interventi di ristrutturazione, riqualificazione o ampliamento, che installano, variano o integrano sostanzialmente la prestazione energetica dell’immobile (l’impianto di riscaldamento, la coibentazione, pannelli solari, pompe di calore ad accumulo, ecc), necessitano di una vera e propria progettazione e calcolo dell’intervento, oltre alla pratiche edilizie e catastali attinenti.

La progettazione e l’asseverazione energetica, può essere (spesso lo è) anche a firma di un tecnico specificatamente competente, differente dal progettista architettonico o direttore dei lavori stesso. Infatti il calcolo ed il progetto energetico è asseverato a parte, nella relazione tecnica ex Legge 10, che definisce qualitativamente e quantitavimente l’intervento, nei limiti e nelle verifiche di legge.

La relazione convalida sia i limiti prestazionali minimi di legge, sia i limiti prestazionali per usufruire  delle detrazioni fiscali attinenti, come lEcoobonus al 65%

Stima del risparmio energetico

Il risparmio energetico è precalcolato e stimato dal principio, sulla base dei possibili interventi da mettere in opera; ognuno dei quali viene valutato per il rapporto costi beneficio. Interventi non predefiniti e ben calcolati, possono risultare dei cattivi investimenti confrontandoli con le alternative possibili (a parità di costo), ma non considerate in fase di diagnosi e prefattibilità.

Requisiti minimi di legge e prestazioni

Gli interventi vanno impostati per soddisfare gli interventi minimi di legge secondo le disposizioni nazionali e regionali. Un intervento non impostato dal principio, rischia di risultare irregolare e non asseverabile in Relazione ex legge 10 , per le verifiche minime di legge.

Pratica ENEA per interventi in Ecobonus al 65 %

Le detrazioni ENEA prevedono percentuali di detrazione da 50% o 65% a seconda della tipologia di intervento. Le pratica ENEA per le detrazioni in Ecobonus sono state rinnovate e confermate fino a Dicembre 2020.

In relazione al tipo di intervento sono previsti massimali di spesa, percentuali di sconto, e limiti minimi prestazionali. In termini prestazionali non tutti gli interventi rientrano in quanto previsto dalla normativa, in quei casi si opta perciò per il bonus ristrutturazione al 50%.

Tra gli interventi rientranti c’è la sostituzione degli infissi, della caldaia con una caldaia condensazione, al sostituzione delle pompe di calore, l’installazione di tende e schermature solari, l’installazione di pannelli solari, la posa in opera di coibentazione, l’utilizzo di apparecchi di Building Automation e gestione dell’energia.

La detrazione è valida sia per immobili residenziali che commerciali.